Comune di Zero Branco

Tributi

Ci troviamo in Piazza Umberto I°, 1
31059 ZERO BRANCO (TV)
Al 3° piano della Nuova Sede Municipale.

Tel. 0422.485455
Fax. 0422.485434

tributi@comunezerobranco.it

ASSESSORI DI REPARTO
Rag. Marilena Zugno
RESPONSABILE DEL SETTORE ECONOMICO - FINANZIARIO
Dott.ssa Francesca Mantini

DI COSA CI OCCUPIAMO:


* E' affidata a ditta esterna l'attività di gestione e riscossione dell'imposta di pubblicità e pubbliche affissioni vedi link ABACO su home page

IUC - IMPOSTA UNICA COMUNALE

  Calcolo IUC
L'Imposta Unica Comunale è stata istituita ai sensi art. 1, comma 639 e seguenti della Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di Stabilità 2014) che si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione ed alla fruizione di servizi comunali.

L'imposta è così costituita:
IMU - Imposta Municipale Propria;
TARI - Tariffa sui Rifiuti;
TASI - Tributo per i Servizi Indivisibili.
Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 28 del 31/07/2014 è stato approvato il Regolamento IUC (SCARICA REGOLAMENTO)  

IMU
Il presupposto dell'Imposta Municipale Propria è il possesso di immobili, esclusa l'abitazione principale e le pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1 - A/8 - A/9.

TASI
Il presupposto del Tributo Comunale per i Servizi Indivisibili è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati, ivi compresa l'abitazione principale e relative pertinenze, e di aree edificabili, come definiti ai fini dell'Imposta Municipale Propria, ad eccezione in ogni caso dei terreni agricoli.
 
TARI
Il Comune di Zero Branco ha aderito, con decorrenza dal 2002, giusta deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 28/03/2002, alla gestione associata del servizio rifiuti ed all'esercizio associato delle connesse funzioni di regolazione, organizzazione e tariffazione mediante l'adesione al Consorzio Intercomunale Priula.
Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 31/07/2014 (SCARICA DELIBERA) è stato preso atto del Regolamento Consortile per
l'applicazione della tariffa avente natura corrispettiva per la gestione dei rifiutin urbani (Legge 27/12/2013 n. 147, art. 1, comma 668).
L'Ufficio della Contarina Spa si trova in via Manin, n. 74/A  - Tel. 0422/916357

ORARIO DI RICEVIMENTO AL PUBBLICO
LUNEDI' 09.00-12.30
MARTEDI' 15.00 - 18.00
GIOVEDI' 09.00 - 12.30
 

DESCRIZIONE FATTISPECIE IMPONIBILI

ABITAZIONE PRINCIPALE: cosa si intende
l’unica unità immobiliare dove il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale si applicano per un solo immobile;
l’unità immobiliare posseduta da anziani o disabili ricoverati in modo permanente in istituti di ricovero o sanitari, a condizione che la stessa non risulti locata o, comunque, occupata.
 
FABBRICATI INAGIBILI/INABITABILI
- Riduzione del 50% della base imponibile dal momento della richiesta dell’inagibilità.
 
FABBRICATI STORICI E ARTISTICI
- Riduzione del 50% della base imponibile.
 
BASE IMPONIBILE FABBRICATI
La base di calcolo è data dalla rendita catastale, così come risulta dalla visura catastale. Si tratta della stessa rendita utilizzata per il calcolo ICI. La rendita deve essere rivalutata del 5 per cento, il valore ottenuto si moltiplica per i seguenti moltiplicatori:
160 per i fabbricati del gruppo catastale A (esclusi gli A/10) e delle categorie catastali C/2, C/6  e C/7
140 per i fabbricati del gruppo catastale B e delle categorie catastali C/3, C/4 e C/5
80 per i fabbricati delle categorie catastali A/10 e D/5
65 per i fabbricati del gruppo catastale D
55 per i fabbricati della categorie C/1
 
BASE IMPONIBILE TERRENI AGRICOLI
La base di calcolo è data da reddito dominicale, così come risulta dalla visura catastale. Si tratta dello stesso reddito utilizzato per il calcolo dell’ICI. Il reddito deve essere rivalutato del 25 per cento. A tale valore si applicano i seguenti moltiplicatori:
135 per le generalità dei terreni agricoli
75 (dal 01.01.2014) per i terreni posseduti e condotti da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola tenendo conto dei seguenti scaglioni:
 
Valore (base imponibile) fino a € 6.000,00                                                   Imposta non dovuta
Valore (base imponibile) oltre € 6.000,00 e fino a € 15.500,00                    Imposta ridotta del 70%
Valore (base imponibile) oltre € 15.500,00 e fino a € 25.500,00                  Imposta ridotta del 50%
Valore (base imponibile) oltre € 25.500,00 e fino a € 32.000,00                  Imposta ridotta del 25%
Valore (base imponibile) oltre € 32.000,00                                                Imposta dovuta per intero
 
AREE FABBRICABILI
La base imponibile è il valore venale in comune commercio. L’amministrazione ha determinato con Delibera di Giunta Comunale n. 57 del 10/05/2012 i valori minimi di riferimento utili per indirizzare i contribuenti nella quantificazione della base imponibile. >> SCARICA LA DELIBERA >>
I valori di riferimento sopra indicati sono stati confermati per la IUC.
 
ALIQUOTE IMU ANNO 2018
approvate con delibera di C.C. n. 49 del 20.12.2017
 

TIPOLOGIA DI IMMOBILE

ALIQUOTA

DETRAZIONE

Abitazione principale e pertinenze

IMU non dovuta

 

Abitazione principale nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze

 4,6 ‰

200,00

Immobili ad uso abitativo e relative pertinenze occupati a titolo gratuito da parenti entro il 1^ grado (genitori/figli)

 4,6‰

 

Altri fabbricati, compresi fabbricati cat. D

 7,6‰

 

Aree fabbricabili

 7,6‰  

Terreni agricoli

 7,6‰  
Terreni agricoli posseduti e condotti da CD e IAP IMU non dovuta  

Fabbricati strumentali per l’attività agricola

IMU non dovuta

 





 


 















 






ALIQUOTE TASI ANNO 2018
approvate con delibera di C.C. n. 49 del 20.12.2017
 

TIPOLOGIA DI IMMOBILE

ALIQUOTA

DETRAZIONE

Abitazione principale e relative pertinenze (escluse A/1, A/8 e A/9)

TASI non dovuta

 

Abitazione – non locata – posseduta da anziani o disabili con residenza in casa di riposo

0,0 ‰

 

Abitazione principale nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze

1,4‰

 

Immobili ad uso abitativo erelative pertinenze occupati a titolo gratuito da parenti entro il 1^ grado (genitori/figli)

1,4‰

 

Altri fabbricati, compresi fabbricati cat. D

1,4‰

 

Aree fabbricabili

1,4‰

 

Fabbricati strumentali per l’attività agricola

1,0‰

 

Terreni agricoli

TASI non dovuta

 
 


































Nel caso in cui non coincidano l'occupante e il soggetto titolare del diritto reale, l'obbligazione tributaria deve essere assolta distintamente, nella misura del 30% dall'occupante, la restante parte del 70% è corrisposta dal titolare del diritto reale sull'unità immobiliare.

CALCOLO 
E' disponibile sul sito del Comune un software per il calcolo dell’imposta e la stampa del modello di pagamento clicca qui.

SCADENZE 2018
IMU: Acconto 18 giugno 2018 - Saldo 17 dicembre 2018
TASI:
Acconto 18 giugno 2018 - Saldo 17 dicembre 2018
 
VERSAMENTI
Il pagamento del saldo dovrà essere effettuato ESCLUSIVAMENTE con il modello F24. 
 
I codici tributo che devono essere riportati sul modello F24 sono i seguenti:
 

IMU

Abitazione principale e pertinenze 3912

Fabbricati strumentali 3913

Aree fabbricabili 3916

Terreni Agricoli 3914

Altri fabbricati 3918

Fabbricati Produttivi D 3925

Interessi 3923

Sanzioni 3924

TASI

Abitazione principale e pertinenze 3958

Fabbricati strumentali 3959

Aree fabbricabili 3960

Altri fabbricati 3961

Interessi 3962

Sanzioni 3963


L'Ufficio Tributi è a disposizione al numero 0422/485455 per eventuali informazioni, oppure riceve il lunedì mercoledì e venerdì dalle 09.00 alle 12.30 ed il martedì dalle 15.00 alle 18.00. 

MODULISTICA
- Autocertificazione uso gratuito (SCARICA MODELLO)
- Autocertificazione L. 104/92 (SCARICA MODELLO)
- Autocertificazione casa di riposo (SCARICA MODELLO)
- Dichiarazione immobili locati (SCARICA MODELLO)

____________________________________________________________________________ 
 ADDIZIONALE COMUNALE  IRPEF

Con deliberazione di Consiglio Comunale n. 30 del 31/07/2014 (SCARICA DELIBERA) è stato approvato il Regolamento per la disciplina dell'applicazione dell'addizionale comunale all'IRPEF (SCARICA REGOLAMENTO) e contestualmente approvate le relative aliquote per l'anno 2014.

Le aliquote IRPEF per l'anno 2018 approvate con delibera di C.C. n. 50 del 20.12.2017 sono le seguenti:

CLASSE DI REDDITO

ALIQUOTA PREVISTA

Fino a € 10.000,00

Esenzione

Da € 0,00 ad € 15.000,00

0,50 %

Da € 15.000,01 ad € 28.000,00

0,60 %

Da € 28.000,01 ad € 55.000,00

0,70 %

Da € 55.000,01 ad € 75.000,00

0,75 %

Oltre € 75.000,00

0,80 %



















 


TOSAP

Chiunque occupi uno spazio o un'area pubblica nel territorio comunale deve essere autorizzato e deve pagare una tassa: la tassa occupazione del suolo pubblico.
Tale tassa viene pagata in ragione del tempo di occupazione e dello spazio utilizzato con una tariffa che varia a seconda della zona e del motivo per cui si occupa (edile, mercato ecc.).
Per le occupazioni che hanno carattere ricorrente o durata superiore ad un mese si può ricorrere ad una convenzione da stipularsi presso l'ufficio tributi previa richiesta.

La domanda di occupazione suolo pubblico può essere generica per attività edilizia o presentata da Enti ed Associazioni benefiche, nel quale caso è gratuita. Essa dovrà essere in carta bollata e deve essere presentata con un preavviso di almeno 10 giorni rispetto all'effettivo utilizzo del suolo pubblico.

Con delibera di Giunta Comunale n. 250 del 28.10.2010 ad oggetto: "Tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche - Adeguamento automatico delle tariffe 2011 per passaggio dalla  Classe V alla classe IV" sono state approvate le nuove tariffe TOSAP Vedi le nuove tariffe

SCARICA I MODULI TOSAP

I pagamenti possono essere effettuati con le seguenti modalità:
c/c postale n. 12219317 intestato al Comune di Zero Branco Servizio Tesoreria
- Bonifico bancario utilizzando il seguente codice IBAN: IT29 J062 2512 1861 0000 0460 124 
- Bonifico bancario
dall'estero codice BIC Swift: IBSPIT2P IT29 J062 2512 1861 0000 0460 124


 


ILLUMINAZIONE VOTIVA

Chiunque intenda allacciarsi al servizio di illuminazione votiva dovrà fare richiesta all'ufficio e pagare l'importo di 25,00 € per l'allacciamento e dall'anno successivo un canone annuo di 12,50 €.
I pagamenti possono essere effettuati sul c/c postale n. 12219317 intestato al Comune di Zero Branco Servizio Tesoreria oppure presso la Cassa di Risparmio del Veneto  - Filiale di Quinto di Treviso con causale "Illuminazione votiva anno .......", intestato al Tesoriere Comunale del Comune di Zero Branco.